Martedì, 15 Dicembre 2020 10:17

PSB PWM, il bello dell'Home Theatre

Una piccola serie di diffusori da installazione on-wall, quella che mette d'accordo diverse esigenze in tema di sonorizzazione di una sala per l'Home Theatre condivisa da tutta la famiglia.

Con il giusto spazio a disposizione una sala dedicata all'Home Theatre è quanto di meglio si possa desiderare. Ma non sempre questa è la situazione a disposizione, per cui spesso il sistema audio-video prende il posto del living, della stanza comune a tutta la famiglia con il TV, magari di grandi dimensioni, a fare da elemento di convergenza e di intrattenimento.

 

 

Inevitabile che in una stanza come questa, condivisa da tutta la famiglia, resta difficile collocare i classici diffusori in-room, sopratutto quando i canali del sistema audio-video sono tanti come nei formati più moderni e più performanti. Inoltre in una casa ormai completata è altrettanto difficile andare ad utilizzare dei diffuori in-wall, quelli per i quali c'è bisogno di importanti lavoratori di muratura per cui sono presi in considerazione quasi esclusivamente in fase di costruzione o di importanti ristrutturazioni.

Proprio per soddisfare la richiesta di "buon audio" anche con queste condizioni e limitazioni PSB presenta la serie PWM (Performance Wall Mount) per installazioni on-wall: una soluzione che combina elevate prestazioni con un ingombro in ambiente molto ridotto. PSB a questo aggiunge un ulteriore elemento per nulla secondario: questi diffusori sono molto belli da poter essere lasciati facilmente a vista. Anzi, soprattutto con arredamenti moderni, diventano loro stessi un elemento di design.

 

 

Il telaio è decisamente ridotto in profondità, siamo ad appena 85 mm e in altezza a 165 mm, mentre cresce esponenzialmente con i vari modelli la lunghezza che varia tra 771 e 1219 mm a seconda del modello. Elegante finitura laccata bianca o nera, con i bordi leggermente stondati e la griglia con attacco magnetico.

In PSB hanno lavorato sugli altoparlanti (inediti e specifici per questa serie) sia da un punto di vista tecnico che estetico, così è possibile lasciarli in vista senza la griglia di protezione. Midrange e woofer hanno il cono in fibra di carbonio intrecciata, dall'aspetto molto high-tech così come lo sono le prestazioni. Il tweeter ha la cupola in titanio e per tutti gli altoparlanti è presente un bordo perimetrale in metallo lucido. 

Un elemento tecnico che facilita l'inserimento dei PMW in diverse soluzioni di impianto è la loro configurazione LCR: quella che permette di utilizzarli sia come canali principali che come canale centrale in un Home Theatre.

Combinando tra di loro i modelli della serie PWM è possibile, quindi, realizzare sia un sistema stereo a due canali, una singola sounbar passiva per l'ascolto del TV, un sistema completo Home Theatre, il tutto con ingombri ridottissimi, design elegante e sopratutto la certezza di un prodotto progettato e affinato direttamente da Paul Barton, il fondatore di PSB.

 

PWM1

Per il modello di ingresso della serie PWM la configurazione è a due vie, con i due woofer da 100 mm collocati ai lati del tweeter da 25 mm. 

 

PWM2

Per il modello centrale della serie PWM la configurazione è a tre vie, con i due woofer da 100 mm collocati ai lati della coppia di midrange da 75 mm e del tweeter da 25 mm. 

 

PWM3

Per il top di gamma della serie PWM la configurazione è a tre vie, con i quattro woofer da 100 mm collocati ai lati della coppia di midrange da 75 mm e del tweeter da 25 mm.

 

Partner ideale dei diffusori PWM, per completare la gamma bassa, è il CSIR SUB:  subwoofer in-room che di fatto è possibile far scomparire alla vista quasi come un diffusore in-wall. Box dalla profondità molto ridotta (siamo a 133 mm) nonostante a bordo ci sia un woofer da 250 mm: in questo modo possiamo utilizzare il CSIR SUB sia tradizionalmente in-room (con la base d'appoggio fornita), ma anche agganciato alla parete (con staffe dedicate), oppure in orizzontale nascosto sotto un divano o dove lo spazio lo permette.

 

 

 

Per chi dispone più spazio per un subwoofer dall'ingombro tradizionale il suggerimento è tra i tre 

SUBSERIES 450
SUBSERIES 350
SUBSERIES 250

 

Letto 361 volte Ultima modifica il Martedì, 15 Dicembre 2020 10:59